Requisiti Acustici Passivi: Autocertificazione Acustica e Relazione Acustica - Requisiti Acustici Passivi

RELAZIONE REQUISITI ACUSTICI PASSIVI

Vai ai contenuti
Ho letto l'informativa privacy e acconsento al trattamento dei dati personali Art. 13 Regolamento UE 679/16 e alla ricezione di informazioni commerciali
Requisiti Acustici Passivi
Relazione Requisiti Acustici Passivi
La dichiarazione dei requisiti acustici degli edifici è un documento obbligatorio previsto dall’art. 3 della L. 447/1995 sull’inquinamento acustico ed è disciplinato dal DPCM 5/12/97.
Misura Requisiti Acustici Passivi
In particolare il DPCM 5/12/97 vale per tutti gli immobili:

  • nuovi da realizzare;
  • che hanno ricevuto concessione edilizia dopo il 20 febbraio 1998
  • da demolire e ricostruire;
  • da ristrutturare completamente
  • sottoposti a risanamento conservativo a cui far seguire un cambio di destinazione d’uso.
Perizia requisiti acustici passivi
Ogni Comune può avere regole parzialmente diverse, ma in genere, la dichiarazione requisiti acustici passivi viene richiesta prima dell’avvio di una costruzione edilizia.
 
Es. ai fini del rilascio:
  • del permesso di costruire,
  • della concessione edilizia,
  • della SCIA
  • della CILA
  • o di altri atti amministrativi richiesti per l’inizio dell’attività edilizia.
       
Documento Requisiti acustici passivi
L’obbligo continua anche dopo i lavori, infatti, è previsto che alla documentazione per l’attestazione di agibilità, si debba allegare anche una relazione conclusiva di rispetto dei requisiti acustici degli edifici.
 
La dichiarazione requisiti acustici passivi deve essere obbligatoriamente redatto sulla base di collaudo acustico in opera da parte del Tecnico Competente in Acustica Ambientale.
Documento Requisiti Acustici Passivi
Ma l’ambito NON è limitato alle nuove costruzioni: la valutazione dei requisiti acustici passivi è richiesta ANCHE per le ristrutturazioni, gli ampliamenti e i cambi di destinazione d'uso.
     
Requisiti Acustici Passivi
Tra gli edifici compresi in questo obbligo ci sono gli immobili ad uso umano: più precisamente ad uso residenziale, di ufficio, alberghiero, ospedaliero o di culto.
 
Le regole sui requisiti acustici passivi NON si applicano, pertanto, agli ambienti e agli edifici destinati alle attività produttive.
Dichiarazione Requisiti Acustici Passivi
Misure Fonometriche requisiti acustici passivi
I requisiti acustici delle costruzioni (definiti dal DPCM 5/12/97) sono le prestazioni in termini di abbattimento e isolamento acustico che gli edifici devono garantire per assicurare il benessere delle persone.
Relazione Acustica Requisiti Acustici Passivi
Per esempio, ci sono dei livelli minimi di riduzione di rumore che devono essere assicurati per:
 
  • la facciata
  • i muri e pareti
  • le solette di separazione tra i piani
  • gli impianti di riscaldamento, areazione e condizionamento
  • gli ascensori
  • e gli scarichi (es. wc, rubinetti, tubature).
Requisiti Acustici Passivi Strutture
La dichiarazione requisiti acustici passivi può concludersi:
 
  • con l'accertamento della conformità del progetto o dei lavori alla legge oppure
  • con programma di interventi nella direzione di risolvere le eventuali mancanze rilevate,
Requisiti Acustici Passivi Università
Attenzione: la mancanza di rispetto dei requisiti acustici passivi definiti per legge è un vero e proprio vizio dell'immobile ed espone chi vende all'obbligo di rimborso e risarcimento nei confronti dell'acquirente.
Dichiarazione Requisiti Acustici Passivi e Nuove costruzioni
Misura Requisiti Acustici Passivi
Già in sede di progetto occorre provare che le modalità con cui saranno costruiti tutti gli elementi dell’edificio siano tali (per materiali e tecnica utilizzate) da tutelare le persone dai rumori provenienti dall'esterno ma anche dai locali attigui.
 
Per redigere lo studio previsionale del rispetto dei requisiti acustici passivi, il Tecnico Abilitato raccoglie mappe, progetti e capitolati e valuta le caratteristiche acustiche di tutti gli elementi dell'edificio confrontandoli con quelli del DPCM 5/12/97.
Dichiarazione Requisiti Acustici Passivi e Ristrutturazioni
Valutazione Di Collaudo Requisiti Acustici
Il DPCM 5/12/1997 ha introdotto – per la prima volta – dei valori limite da rispettare per progettista e costruttore anche per le ristrutturazioni più o meno complete.
 
La dichiarazione requisiti acustici passivi va presentata anche quando si progetta di demolire e ricostruire un edificio, di ristrutturarlo globalmente o si sottoporlo a risanamento conservativo che determini poi un cambio di destinazione d’uso.
Dichiarazione Requisiti Acustici Passivi e Cambio destinazione d’uso
Documento Di Collaudo Requisiti Acustici
Quando si pianifica di trasformare l’uso di un bene/immobile per destinarlo ad uso residenziale, di ufficio, alberghiero, ospedaliero o di culto, alla domanda di autorizzazione va allegata anche una specifica valutazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. L’obiettivo è accertare/dimostrare che il bene ha le caratteristiche di isolamento acustico adatte alla protezione delle persone, tenuto conto della zona in cui si trova.
Chi fa i Requisiti Acustici Passivi?
Documento Collaudo Conformità Requisiti Acustici
La dichiarazione requisiti acustici passivi degli edifici è un documento che deve essere obbligatoriamente redatto da un Tecnico Competente in Acustica. È il Tecnico l’unica figura che per la legge può valutare l'adeguatezza delle strutture di un edificio rispetto al livello minimo di insonorizzazione previsto per legge.
Documento Verifica Requisiti Acustici Passivi
Nel caso, invece, della relazione conclusiva, il TCA esegue un sopralluogo con misure fonometriche per valutare la conformità dell’opera ai requisiti di legge.

La relazione può concludersi:
  • o con l'accertamento della conformità dei lavori, o del progetto, alle previsioni normative in materia di requisiti acustici passivi,
  • oppure con una dichiarazione di un programma di interventi per adeguare tutta la struttura ai minimi definiti.
Autocertificazione Acustica?
Documento collaudo requisiti acustici scuole
A differenza di quanto previsto per la relazione di impatto acustico o per la relazione di clima acustico, per l’accertamento dei requisiti acustici passivi NON è prevista nessuna possibilità di autocertificazione acustica da parte del privato.
Gallery Requisiti Acustici Passivi
Dichiarazione requisiti acustici passivi per ampliamento
Relazione sui requisiti acustici passivi
Dichiarazione requisiti acustici passivi per palazzina residenziale centro di Parma
Valutazione requisiti acustici passivi
Dichiarazione requisiti acustici per capannone in ristrutturazione
Relazione requisiti acustici capannone
Dichiarazione requisiti acustici passivi in un negozio
Requisiti acustici passivi
Altre Relazioni Acustiche
Sorgedil fornisce qualsiasi relazione e perizia acustica, con o senza il supporto di misure fonometriche grazie alla collaborazione con Tecnici Competenti in Acustica in tutta Italia.

Ecco alcuni esempi di altre relazioni acustiche che predisponiamo:
   
Costi Dichiarazione Requisiti Acustici Passivi
Relazioni requisiti acustici passivi previsionali
Sorgedil propone relazioni sui requisiti acustici passivi:
 
  • previsionali, ovvero in fase di progetto
  • in opera, ovvero in fase di collaudo.
 
Studio requisiti acustici passivi
Sorgedil consegna valutazioni dei requisiti acustici passivi in 3 giorni lavorativi ma, in caso di urgenza, è disponibile ad abbreviare i tempi e dare massima priorità.
Contatti
Per assistenza immediata, contattaci al numero verde gratuito, disponibile 24/7 per garantirti supporto in qualsiasi momento


Oppure, compila subito il modulo sottostante e richiedi informazioni GRATUITE
Sarai contattato entro 24 ore






Ho letto l'informativa privacy e acconsento al trattamento dei dati personali Art. 13 Regolamento UE 679/16 e alla ricezione di informazioni commerciali
Sorgedil Tecnologia del Silenzio


P.I. 03208620132
Copyright ©

Sorgedil Tecnologia del Silenzio

P.I. 03208620132
Copyright ©

Torna ai contenuti